Chi sono

Mi chiamo Lina Giudetti e nata sotto il segno del leone, vivo a Taranto, una piccola città sul mare della Puglia.

Amo sia leggere che scrivere e in particolare, sono un’appassionata di mitologia, di religione e storia, ma amo leggere o scrivere anche horror, fantasy e romanzi rosa.

Il mio primo libro lo scrissi a mano a quattordici anni, quando gli eBooks ancora non esistevano, ma non lo pubblicai mai. Era scritto in prima persona, sotto forma di diario e raccontava la storia di una giovane donna italiana, che negli anni trenta viene data in sposa a un indiano che inizialmente non sente di amare a causa della diversità delle loro culture, ma poi con il tempo si affeziona a lui… da allora ho continuato a coltivare la mia passione per la scrittura fino a oggi senza mai abbandonarla, ma è sin da bambina che mi sono sempre sentita a mio agio nel ritrovarmi con un foglio di carta e una penna in mano. Infatti amavo i compiti in classe di italiano sentendomene profondamente stimolata, soprattutto se riguardavano tematiche attraverso le quali avrei potuto liberare e dar sfogo al mio estro.

Credo nei buoni valori di una volta, amo molto la famiglia e gli animali e mi ritengo una sognatrice nata e fantasiosa quanto basta, per prediligere le materie creative.

Appassionata inoltre di cinema, teatro e arte grafica, oltre che di scrittura e lettura, mi sono di recente anche avventurata nel mondo del web design.

lina-giudetti-foto Gli scrittori che da sempre mi piacciono e stimolano la mia immaginazione sono Gaston Leroux, Anne Rice, Stephen King, Clive Cussler, Michael Crichton e Bertrice Small, ma amo leggere molto anche quanto scritto da Oscar Wilde, Platone, Origene, Ovidio, (le “Metamorfosi” in modo particolare) Ermete Trismegisto, Edgar Cayce e Brian Weiss.

Quanto alla poesia, ho sempre amato lo stile e le opere di Charles Baudelaire e simili. Da bambina invece adoravo leggere le fiabe di Hans Christian Andersen. I libri che hanno in qualche modo segnato la mia vita sono “Il fantasma dell’opera” di Gaston Leroux e “La piccola principessa” di Frances Hodgson Burnett.

Quanto al mondo del cinema, trovo i miei alter ego in Tim Burton e Sam Raimi, registi per me “sacri” e anche mie grandi fonti d’ispirazione.

Un’altra mia fonte di ispirazione, è certamente Ermete Trismegisto con i suoi scritti. Sono infatti una seguace del pensiero ermetico.

 

“Se vuoi cambiare il tuo stato d’animo o il tuo stato mentale, modifica la tua vibrazione.”Cit. Ermete Trismegisto.