Gli istanti si spezzano a metà

Gli istanti si spezzano a metà Book Cover Gli istanti si spezzano a metà
Antonio Riccardo Petrella
Giallo \ Thriller \ Narrativa contemporanea
Lettere Animate
25 Febbraio 2014
eBook \ Cartaceo
250

Carla è una bambina di otto anni che vive in un piccolo paese vicino a Torino con i suoi genitori e la sorella più piccola con cui non va d’accordo. In un caldo pomeriggio invernale un evento scuoterà la sua infanzia e improvvisamente si troverà a custodire un orribile segreto che cambierà il corso della sua vita.
Gli anni passano e all’università Carla incontra il giovane giornalista Paolo, che le racconta di strane vicende che sono accadute in una piazza storicamente maledetta a Torino, e che s’incroceranno incredibilmente con il suo passato. Indagando sul mistero racchiuso in quella piazza emergeranno inquietanti parallelismi con la propria vita, misteriose leggende, storie dimenticate, terribili segreti, pericolose bugie, lati oscuri e nascosti di Torino. In questa ricerca Carla avrà anche la possibilità di liberarsi dal suo senso di colpa e di sotterrare quel suo orribile segreto, fin quando...

Un’opera molto delicata veramente degna di attenzione poiché ben scritta e ricca di sentimenti. La narrazione può sembrare lenta in alcuni momenti e più coinvolgente in altri, ma possiede un grande spessore, ha dei bei contenuti e comunica un messaggio veramente importante sul tempo e su quegli attimi che non tornano più.

La storia raccontata non è banale e per quanto malinconica, finisce con il conquistare e certamente emoziona anche grazie a opportune dosi di giallo e thriller.

Personalmente posso dire che l’intelligenza e la precocità della bambina che narra i fatti, le sue riflessioni su tutto e le varie conversazioni con la nonna, mi hanno toccata nel profondo. Il rapporto conflittuale delle due sorelle in alcuni punti rattrista, ma rispecchia delle realtà talvolta.

E’ un romanzo davvero molto particolare che mescolando con stile e garbo attualità, sentimentalismo, psicologia e mistero, è scritto certamente con grande sensibilità. Si nota che sia stato scritto con il cuore… l’unico dettaglio che stupisce, è che sia stato scritto da un uomo che impersona una narratrice femminile… in ogni caso, è un libro non scontato e diverso dai soliti. Tenero e introspettivo in alcuni punti e inquietante in altri.

Ben studiati ed emozionanti i colpi di scena, suggestiva la cupa ambientazione torinese e ben congegnato e sorprendente l’epilogo. E’ una di quelle storie che davvero fanno riflettere sull’importanza del tempo, ma anche sulle difficoltà famigliari, soprattutto quando i genitori sbagliano e le loro mancanze hanno poi delle ripercussioni negative sui figli.

Una lettura in definitiva interessante.

 
stelle4