La Bambola

La Bambola Book Cover La Bambola
Daniela Jannuzzi
Horror
Lettere Animate
8 Settembre 2014
eBook \ Cartaceo
53

In un giorno qualunque Miranda esce in ritardo dal lavoro e, mentre corre per andare a prendere la sua bambina alla scuola di ballo – preoccupata per la reazione che potrebbe avere per i molti impegni della mamma, donna divorziata e lavoratrice – s’imbatte in un negozio che trova all’improvviso sulla sua strada ma che non ricorda di aver mai visto prima d’ora: La Piccola Bottega Dietro L’angolo, che all’apparenza sembra solo un negozio d’antiquariato mal organizzato.
Avvicinatasi alla vetrina, però, Miranda nota un oggetto che cattura subito la sua attenzione: una bambola di porcellana vestita in stile ottocentesco, curata in ogni dettaglio e tenuta a regola d’arte, che in qualche modo l’affascina. Tuttavia non ha ulteriore tempo da perdere e sta per andar via, quando un movimento attira di nuovo la sua attenzione e con la coda dell’occhio le pare di vedere il giocattolo muoversi. Guardando meglio la donna nota che qualcosa sul volto della bambola è mutato...

[amazon template=thumbnail&asin=https://www.amazon.it/dp/B00NF3NKUG/ref=pdp_new_dp_review]

recensione

Romanzetto horror dotato di una narrazione scorrevole e accattivante e di personaggi ben definiti che coinvolge quanto basta mantenendo una discreta dose di tensione psicologica. Si legge rapidamente e tutto d’un fiato poichè intriga, incuriosisce e spiazza a un certo punto anche se non è assolutamente una storia che possa vantare originalità. Attinge molto da’ “La bambola assassina” ad eccezione del finale, decisamente diverso, più amaro e a sorpresa; finale che non tutti gradiranno forse.

L’opera in sè per sè merita perchè per quanto ricalchi situazioni e temi già conosciuti, attrae e intrattiene quanto deve chi ama gli horror che alternano momenti di tensione psicologica con momenti di tenerezza.

Daniela Jannuzzi è una buona penna, il suo stile narrativo è semplice e raffinato al tempo stesso come anche il suo lessico, solo che in futuro mi piacerebbe leggere qualche storia di sua reale e totale invenzione che quindi non si ispiri ad altri romanzi o addirittura a dei film molto noti.

 

stelle3