Mille giorni d’inverno

Mille giorni d'inverno Book Cover Mille giorni d'inverno
Daniela Nardi
Narrativa storica
Lettere Animate
4 Gennaio 2016
eBook \ Cartaceo
100

Seconda guerra mondiale: Mari Serrano e la sua famiglia sono costretti a lasciare La Città per il piccolo paesino di Valliani. Combatteranno con fame e ansie, atrocità e delitti durante i terribili giorni d’occupazione nazista.

Questo romanzo che assomiglia quasi a un diario che racconta con diligenza e intensità gli orrori e gli effetti della seconda guerra mondiale, è un vero e proprio gioiellino di narrativa storica.

Non una storia troppo lunga, ma neanche troppo breve, narra le vicende di una famiglia che cerca di sfuggire ai disastri, alla sofferenza, ai pericoli e alla morte. Tutto quello che vive e che la segna nel profondo attraverso delle ferite psicologiche che non potranno più rimarginarsi, viene affrontato attraverso uno stile così realistico e mai freddo o impersonale da parte dell’autrice, da far sentire quasi catapultati nella storia. Si avverte molto pathos durante la lettura che non è solo in grado di arricchire culturalmente, ma fa anche viaggiare la mente attraverso i ricordi di una tragedia che fu.

Storicismo, dramma e un pizzico di avventura si fondono perfettamente toccando l’animo umano.

Tra minuziose descrizioni di bombardamenti, inseguimenti, catture e fughe dal sapore quasi apocalittico, vengono affrontati diversi temi come la paura, l’angoscia, il desiderio di libertà e riscatto, il coraggio di lottare e andare avanti, la fame, la povertà e anche l’amore.

La maggiore abilità dell’autrice in questo caso, è stata quella di raccontare un argomento storico importante e gravoso con impegno ma senza mai annoiare o rendere il tutto scontato e incolore.

Le vicissitudini dei personaggi tengono alta l’attenzione del lettore anche grazie a uno stile narrativo fluido e piacevole che gode di un lessico semplice ma al contempo maturo e ben curato.

In definitiva un ottimo romanzo di genere.

 

stelle5