Poison

Poison Book Cover Poison
Daniela Ruggero
Dark Romance
4 Settembre 2015
eBook \ Cartaceo
254

Sara è una ragazza semplice, dal viso pulito e dal sorriso gentile. La sua vita è stata segnata da un'infanzia dolorosa. Andrea è il rampollo di una famiglia ricca e potente, tradito dal suo più grande amore chiude le porte della sua anima trasformandosi in un cinico maniaco del controllo.
Il destino li unisce in un incontro casuale e sfuggente. I loro sguardi si incrociano e da quel momento nulla sarà più come prima. Nell'intensità di una storia dettata dal possesso e dalla passione portata al limite, Sarah e Andrea condivideranno le vite, mescolando il dolore dal loro passato alla speranza per il futuro. Ma può un cuore traboccante di rabbia ricominciare ad amare?

Romanzo dai contenuti suggestivi tanto quanto lo è la copertina.

A dire il vero, molto di rado leggo i dark romance perchè solitamente il romanticismo maledetto non è di mio gusto dato che mi lascia amarezza nel cuore, ma questo l’ho apprezzato perchè sa alternare amarezza e dolcezza in maniera bilanciata, catturando l’attenzione del lettore.

La trama ha toni molto forti e si incentra sulla vita di due anime “perdute” con un passato assai doloroso alle spalle, ma che si ritrovano ad amarsi nonostante tutto, come poli opposti che non riescono a far meno di congiungersi perchè irrimediabilmente attratti l’uno verso l’altra. La differenza tuttavia è che lei, Sara, è un’anima candida e remissiva, segnata dal dramma di una crescita difficoltosa perchè vittima sin da bambina di abusi e violenze da parte di un padre insensibile, autoritario, manesco e alcolizzato, ma è bisognosa di amore più di ogni altra cosa al mondo e di qualcuno che la strappi al suo dramma e al suo passato concedendole di “vivere”, mentre lui, Andrea, è un’anima selvaggia, prepotente e anche dedita al vizio della cocaina, tuttavia ha un cuore in fondo altruista e salverà Sara da un destino miserabile. Il loro amore sarà passionale, ricco di momenti forti, ma sarà anche tossico poichè Andrea, segnato anche lui da un passato difficile, in parte tragico e doloroso che gli mostra spesso davanti agli occhi come un’ossessione il ricordo di un grave tradimento subito da parte di suo padre e della sua fidanzata, riesce ad amare solo attraverso un morboso bisogno di possesso.

Sin dall’inizio ci tiene a marchiare Sara come sua in maniera assoluta. Non le concede molta libertà, la ama con intensità ed egocentrismo, ma anche con tenerezza e un primordiale desiderio di proteggerla e di non vederla infelice e sciupata. Saprà pertanto alternare nei suoi confronti momenti di durezza e prevaricazione con momenti di pura dolcezza e premurosità. Sarà il suo carnefice-salvatore in un certo senso, poichè non estraneo neppure lui alla dissolutezza e alla necessità di avere potere su di lei tramite la violenza e la prepotenza e sarà anche colui che le permetterà di iniziare a respirare e vivere una vita vera, comunque più sana di quella che aveva sempre vissuto prima di allora e Sara, nonostante tutto si sentirà legata e dipendente da lui. Scoprirà sperimentandolo sulla propria pelle che anche i “demoni” sanno amare possedendo un cuore nobile.

L’amore di Andrea è possessivo e morboso, eppure è tutto ciò che di buono Sara sente di avere nella sua vita. Lo ama poichè l’incombenza di un passato nel quale non ha mai ricevuto rispetto, comprensione e affetto, ma solo veleno, le ha impresso nella mente una visione errata e distorta di come meriterebbe di essere trattata. Forse non conoscerà mai il vero sapore della libertà, ma sa che Andrea sarà capace di offrirle tanta dolcezza e non solo veleno alternando sempre le due cose solo per ottenere il suo rispetto o forse per il timore di essere abbandonato o tradito di nuovo. Andrea in verità a un certo punto dimostra di essere disposto perfino a dare la vita pur di proteggerla e la loro storia d’amore, pur non essendo tutta rose e fiori, è una storia in fondo come tante di quelle caratterizzate da donne fragili che a causa di un’infanzia ricca di abusi psicologici, sviluppano la necessità di essere amate da uomini-padroni che le dominino, ma che al contempo sappiano amarle e farle sentire sempre desiderate e preziose per loro.

L’introspezione psicologica fornita dall’autrice sui due protagonisti è molto ben approfondita e meticolosa e ho trovato interessante la doppia narrazione che mostra ogni vicenda dai loro diversi punti di vista.

E’ un romanzo crudo e malinconico forse non adatto a tutti, ma che si legge tutto d’un fiato.

I colpi di scena sono pochi perchè tutto è sempre intuibile o prevedibile, ma la storia prende molto e tocca le corde del cuore (molto commovente in primis la scena in cui Andrea dimostra ancora una volta di essere un diavolo dal cuore d’oro, offrendo salvezza e protezione anche alla madre di Sara che porta via dalla casa degli orrori, così come aveva fatto con Sara) emozionando dall’inizio fino a un epilogo che delinea il senso del riscatto da tanto dolore e veleno.

Un romanzo in definitiva intenso e a parte qualche refuso, molto ben narrato.

 

stelle4