Vorrei vivere di te (Piacere russo Vol. 2)

Vorrei vivere di te (Piacere russo Vol. 2) Book Cover Vorrei vivere di te (Piacere russo Vol. 2)
Malia Delrai
Rosa \ Erotico
8 Febbraio 2015
eBook \ Cartaceo
253

«Dimmi un po’» seguitò lui. «Visto che hai tanta voglia di chiacchierare con me. Il russo con cui stavi non riusciva a soddisfare le tue voglie, per caso?».
Il tono era arrogante. Se Selene avesse avuto la pistola di lui tra le mani, gli avrebbe sparato per quella frase strafottente con cui le si era rivolto. Lo affrontò, occhi negli occhi, due irose iridi glaciali che la inchiodavano al letto e la incolpavano per qualcosa di cui lei non aveva coscienza. Alex non poteva permettersi di farla sentire sporca.
«Non parlare di lui. Non farlo» lo ammonì.

Selene non si capacita della sua attrazione per Alex. È innamorata di Roman e ne è sicura, ma quell’uomo sconosciuto la travolge con la sua sola presenza. Perché? Tornare in Italia e scontrarsi con lui, il suo nuovo rapitore, la confonde e la getta nel panico. È sola ad affrontare una realtà che non ha chiesto di vivere ed è all’oscuro dei motivi che spingono il suo aguzzino a tenerla rinchiusa in una stanza. Pensava di poter riabbracciare la famiglia, invece Alex l’ha catapultata in un mondo nascosto fatto di desideri e parole non dette. Lui le piace, le fa battere il cuore, a differenza del suo russo che l’ha abbandonata a se stessa e tradita. Eppure non riesce a distinguere i due uomini: nel comportamento di Alex, sicuro di sé e dominante, Selene vede Roman, e non può fare a meno di gridare il suo nome mentre la passione la travolge. I sensi di colpa le bruciano dentro, la paura torna a farsi viva e il coraggio non può bastare per lottare contro quell’uomo misterioso.

Un romanzo dai toni erotici potenti, dove l’unica regola che governa la trama è la passione e… l’amore.

Non pensavo che Malia sarebbe riuscita a sorprendermi con il secondo capitolo di “Potrei morire di te te” e invece lo ha fatto. A legger la sinossi mi sembrava di aver capito che Selene si sarebbe innamorata di un altro, ma poi… insomma leggendolo sono rimasta compiaciuta e sorpresa.

Malia ha davvero stile e a differenza di alcuni suoi detrattori ammiro il suo estro, la sua proprietà di linguaggio fresca, spontanea e talvolta ironica e divertente e ammiro il suo stile narrativo davvero avvincente che ti trascina in un vortice di emozioni grazie a delle espressioni spesso rivolte ai sensi umani…

Selene e Roman li fa apparire come personaggi reali e la loro storia d’amore è sempre intensa.

L’autrice è stata bravissima a incentrarsi su pochi fatti nella trama di questo secondo romanzo raccontandoli lentamente e prolungatamente mantenendo alta l’attenzione. La maggior parte degli eventi infatti si concentra sulla nuova prigionia di Selene, ma ci vuole stile per portare avanti per le lunghe un argomento senza annoiare. Malia ha questo dono di far perdere al lettore la cognizione del tempo mentre legge e far sì che le pagine gli scorrano veloci tra le dita delle mani senza che neanche riesca a rendersene conto.

Personalmente non ho potuto fare a meno di leggere in un solo giorno tutto il libro. Una pagina tirava l’altra… la trama è coinvolgente tanto quanto lo è stata quella del primo romanzo e si avvia verso un crescendo di emozioni e colpi di scena niente male (quello del padre è molto triste tuttavia).

Lo stile della Delrai a me piace proprio perchè è spontaneo, genuino e unico.  Gode di un linguaggio istintivo che fa sembrare tutto quello che racconta, delle novelle visive. Si nota la passione che investe nella scrittura, ma soprattutto mi piace e riesce a impressionarmi perchè Malia racconta l’amore senza falsi pudori e perbenismi. Racconta l’amore incondizionato e irrazionale, quello che nasce istintivamente nelle situazioni che mai ti aspetteresti e che proprio non puoi controllare perchè i sentimenti e le emozioni hannno sempre una provenienza inconscia, pertanto non li puoi dominare perchè hanno spesso la prevalenza sul conscio e sulla razionalità.

Selene sembra avere un atteggiamento da “zerbino” nei confronti di Roman, ma è solo una conseguenza vicina alla realtà dell’amore irrazionale, quello vissuto attraverso emozioni incontrollabili. L’amore non è un sentimento a comando e non ha spiegazioni. Lo provi e basta, non ci sono regole poichè l’amore vincolato da condizioni e limiti non è amore. Quando si ama qualcuno, questo qualcuno viene prima di ogni cosa, anche di noi stessi e ci si può annientare per amore. E’ pur vero che pur amando talvolta sia necessario scegliere tra la propria salute mentale e vedere appagate le proprie emozioni, ma queste emozioni spesso fanno sentire vivi e la loro costanza prima o poi può essere premiata con uno lieto fine ed è esattamente questo tipo di esperienza e di amore che Malia ci racconta. L’amore irrazionale che una giovane donna pura nell’animo prova per un uomo corrotto, mafioso e all’apparenza duro tuttavia capace di amare più di quel che vorrebbe dare a vedere. Scoprire piano piano il lato dolce e nobile d’animo del suo carattere è quello che spiazza il lettore attirandolo e coinvolgendolo. Non importa che Roman non sia neppure l’ombra della perfezione perchè Malia riesce con abilità a renderlo candido agli occhi dei lettori. Candido per l’intensità del sentimento che prova per Selene e per il coraggio e l’ostinazione che dimostra nel proteggerla a qualsiasi costo perchè per lei farebbe qualsiasi cosa.

Questa storia, ma l’intera trilogia, non vuole far altro che raccontare una storia di amore incondizionato e di riscatto in cui due anime appartenenti ai poli opposti di uno stesso filo a un certo punto attirati come calamite uno verso l’altra si incontrano e non sanno più come staccarsi… l’amore che ama solo ciò che è perfetto o ciò che coincida con le proprie aspettative non è vero amore. Sono proprio le anime “perse” e “corrotte” quelle più bisognose d’amore e di comprensione e queste sono verità cristiane, che lasciano un bel messaggio. 

L’autrice racconta semplicemente una storia che rispecchia l’imperfezione dell’animo umano e il suo estremo bisogno d’amore ed è per questo che si rivela molto più credibile e appassionante di altre storie più banali.

Certo, questa trilogia non è per tutti perchè molti, soprattutto i più puritani, faranno fatica a comprendere e ad apprezzare il messaggio della storia d’amore tra Roman e Selene, ma io penso solo che non si dovrebbe giudicare o denigrare quello che non si comprende o non si riesce ad accettare poichè l’amore ha molte sfaccettature e soprassiede su tutto!

 

stelle5